La qualità del prodotto con i più alti standard

La gelatina è una proteina di collagene puro che viene ottenuta da materie prime animali. La maggior parte delle gelatine che viene prodotta in Europa deriva dal maiale. Altre gelatine vengono prodotte dai bovini o da materie prime a base di pesce. Gli alti standard qualitativi della gelatina vengono assicurati con la selezione di materie prime e dall’attenzione riposta nel processo di produzione.

Materie prime eccellenti

La produzione di gelatina è frutto di un’attenta selezione di materie prime, con una particolare attenzione verso il rispetto degli standard di sicurezza. I produttori europei di gelatina utilizzano solo materie prime provenienti da maiali, bestiame e pesci in buona salute. Inoltre, tutte le aziende associate a GME sono certificate ISO 9001 e soddisfano gli standard HACCP. Quindi, l’industria della gelatina è una tra le più strutturate e controllate dell’intero settore industriale europeo.

L’80 % circa della gelatina alimentare prodotta in Europa deriva dalla cotenna di maiale. Il 15 % proviene dal sottile strato di derma contenente collagene che si trova tra l’epidermide e lo strato subcutaneo. Il restante 5% di gelatina si ottiene dalle ossa di bovini, suini e pesci.

Le disposizioni europee generali regolano la macellazione, oltre al controllo e alle procedure per il rilascio delle licenze attraverso le agenzie governative. Tutte le materie prime vengono regolarmente sottoposte a ispezione in termini di sicurezza e provenienza. Gli animali provengono solo da macelli approvati  e vengono prima di tutto visitati dai veterinari. Solo le materie prime approvate per il consumo alimentare umano vengono utilizzate nella produzione di gelatina. In altre parole, la carne che il consumatore acquista proviene dallo stesso animale sano da cui vengono estratte le materie prime per la produzione di gelatina.

  • La gelatina per uso alimentare deve sottostare alle norme obbligatorie rilasciate sulla gelatina alimentare a cui fanno riferimento le leggi in ambito alimentare.
  • La gelatina per uso farmaceutico deve soddisfare le stringenti norme stabilite dalla farmacopea europea.

    Processo produttivo high-tech

    Negli stabilimenti dei membri GME, la gelatina viene prodotta con un processo complesso e multifase mediante l’utilizzo di macchinari industriali altamente tecnologici. Il materiale di partenza è il tessuto connettivo dei maiali, bestiame o pesci. Le proteine di collagene vengono separate dalla cotenna del maiale, dalla pelle e dalle ossa del vitello o del bestiame e trasformate in gelatina. Il prodotto finale, la gelatina, è una proteina pura e di alta qualità.

    Dalle materie prime vengono prima di tutto eliminati i grassi e i minerali. Poi vengono effettuati due diversi pretrattamenti, in base alle materie prime e all’applicazione che si intende realizzare.

    Processo alcalino

    Il tessuto connettivo dei bovini è densamente interconnesso e quindi viene pretrattato con una soluzione alcalina per diverse settimane. Questo trattamento modifica la struttura del collagene. Successivamente, il collagene è solubile in acqua calda e si separa dal resto delle materie prime.

    Processo acido

    Il tessuto connettivo del collagene proveniente dai suini non è così densamente interconnesso. L’estrazione del collagene è possibile già dopo un giorno dal trattamento con acido, seguito dalla neutralizzazione e profonda pulizia di tutti i sali in esso contenuti.

    Le materie prime pretrattate vengono quindi mescolate con acqua calda potabile ed estratte grazie a un processo multifase. La temperatura dell’acqua calda è un parametro per stabilire la forza del gel: più bassa è la temperatura dell’acqua, maggiore sarà la sua forza, o ‘valore di fioritura’, della gelatina estratta.

    Le soluzioni, estratte tramite separatori ad alte prestazioni, sono prive di tracce di grassi e fibre sottili. Proprio come nell’industria delle bevande, le particelle più sottili vengono rimosse grazie al filtraggio. Nell’ultimo passaggio della pulizia, vengono rimossi residui di calcio, sodio, acidi o altri sali dalla gelatina.

    La soluzione di gelatina viene ora concentrata in un sistema di vaporizzazione aspirato diventando densa come una massa di miele.

    Le soluzioni concentrate di gelatina vengono sterilizzate, raffreddate, solidificate e asciugate mediante scrupolosi processi igienici. Con questo metodo si ottengono ‘spaghetti gelatinosi’ che vengono macinati in forma granulare dopo l’essicazione.

    La qualità e la purezza della gelatina è assicurata da stringenti controlli di qualità in laboratorio. Tutte queste fasi sono indispensabili per la produzione di gelatina e sono state adottate per decenni per produrre gelatina di alta qualità.